Il mondo è tutto ciò che accade
(Ludwig Wittgenstein)
ita | eng
Area Clienti
NUOVE NORME IN MATERIA DI FRAZIONAMENTO DI EDIFICI A DESTINAZIONE INDUSTRIALE E ARTIGIANALE. IN PRESENZA DI UN PIANO INDUSTRIALE. E' ORA POSSIBILE ANCHE SE GLI STRUMENTI URBANISTICI NON LO PREVEDONO O NON LO CONSENTONO.
Date: 02/07/2014
Con la Legge regionale 11 aprile 2014, n. 20 pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 17, parte prima, del 16.04.2014, la Regione ha dettato norme innovative in materia di frazionamento di edifici a destinazione industriale e artigianale. Le modifiche così introdotte sono una anticipazione della più vasta riforma della legge regionale 3 gennaio 2005, n. 1 (Norme per il governo del territorio), che è da tempo all’esame del Consiglio ed ormai in dirittura d’arrivo.  L’anticipazione delle norme in materia di frazionamento di edifici a destinazione industriale e artigianale, si è resa necessaria proprio per venire incontro alla necessità da parte di molte imprese di ridefinire gli spazi destinati alla attività produttiva, non di rado molto ampi ed eccedenti le attuali necessità, perché edificati in epoca risalente e ormai sovradimensionati rispetto al reale volume di lavoro.Si è dunque ritenuto, a fronte della riduzione della produzione di beni, conseguenza del protrarsi della crisi economica e della contrazione della domanda, che il frazionamento degli edifici a destinazione industriale e artigianale possa rappresentare un’utile misura per fronteggiare l’attuale situazione di crisi economica in quanto può consentire l’inserimento di ulteriori realtà produttive nelle nuove unità immobiliari.Pertanto con un unico articolo che introduce il nuovo articolo 81 bis nella l.r. 1/2005 si è previsto che “E’ consentito il frazionamento in unità immobiliari di edifici a destinazione industriale e artigianale, senza necessità di variare gli strumenti della pianificazione territoriale e gli atti di governo del territorio comunali che non lo prevedono o non lo consentono, a condizione che sia mantenuta la medesima destinazione d’uso e che l’intervento non comporti aumento di superficie utile lorda o di volume.”. Il frazionamento è dunque possibile anche se gli strumenti urbanistici comunali non lo prevedono e anche se non lo consentono, alla condizione che sia mantenuta la medesima destinazione d’uso produttiva e, ovviamente, senza aumenti di superficie o volume. Il frazionamento è comunque subordinato alla presentazione al comune da parte dell’imprenditore interessato di un piano industriale che dimostri la necessità dell’intervento ai fini del mantenimento dell’attività produttiva e della salvaguardia dell’occupazione e all’approvazione del piano da parte del comune. La disposizione è entrata in vigore il 17 aprile 2014, il giorno successivo alla pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana, ed è quindi già operativa.Grosseto, 2 luglio 2014Alessandro Antichi Avvocato
<< Back

Download

news sito.pdf (313.24 KB)

The Firm

For over thirty years Antichi Law Firm is a point of reference for anyone who wants to argue his case before Justices, reports in civil and commercial affairs, in relations with public administrations, in defense of their rights and interests.

The....

MORE
Publications

Dalla mediazione all' arbitrato amministrato
Tesi dell' Avv. Alessandro Antichi 
Salvataggio delle Banche in Europa Gestione Transfrontaliera delle crisi

MORE
Alessandro Antichi (Grosseto, May 14, 1958) obtained his Laurea Magistrale in Civil Law, with honors (110/110 cum laude), from University of Siena in March 30, 1982.He received......read more
Giovanni Niccolò Antichi (Grosseto, July 25, 1988) is a graduate in Corporate Law at Luiss Guido Carli University in Rome (110/110 Summa cum Laude and Special Acknowledgement)......read more
Michele Pelosi (Grosseto, November 27, 1972), graduated in Law at the University of Siena in December 4, 1998 with a thesis on Criminal Law. He qualified to practice law in the......read more
Federica de Silva (Venice, June 28, 1981) is a graduate in Law from the University of Padova in 2006 with a thesis in Commercial Criminal Law. She qualified to practice law in the Court......read more